"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

venerdì 28 agosto 2009

"La resistenza possibile è fare bene le cose"

Un paio di giorni fa Robertino Saviano è stato a Cinisi, alla presentazione del libro di Giovanni Impastato.
Episodio inaspettato, visto il regime da sorvegliato speciale in cui vive.
Non ero li, naturalmente, ma delle sensazioni di chi c'era, come Robi, Ale e Silvia, mi è stato trasmessa l'emozione dell'incontro, della pesantezza delle sue parole, robuste come macigni e ben piantate a terra.
Sagge, come quando parla dell'Onore, caratteristico dei Siciliani, di cui ne hanno rubato il senso puro, nobile, per regelarlo ad un codice da affiliato.
Quando parla del senso della resistenza, ed usando cioè che in proposito gli disse Enzo Biagi, rievoca il senso dell'impegno di ognuno di noi, usando le sagge parole di Elio Petri:

"La resistenza possibile è fare bene le cose"

Dicevo non ero li, e cosi ho cercato di recuperare il video, per offrirverlo. Dieci minuti spesi bene.




(nella foto Roberto e gli Amici di Addio Pizzo)

Nessun commento:

Shinystat