"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

lunedì 31 gennaio 2011

Into the fire

Le rivoluzioni le fa il popolo, le fa per il pane e mai per le idee.
Le idee muovono soltanto chi ha il tempo per formularle, la fame mette in moto fin dalle viscere un moto di rivolta.
Guardo così le immagini di quanto succede intorno a noi, in Egitto, in Tunisia, e chissà dove domani, e mi chiedo, colmo della mia insipienza, cosa smuova quelle folle, cosa sia in grado di smuovere l'ira di un popolo.
Cado nel tranello più banale nel confrontarlo con chi, noi, di rivoluzioni non le ha mai fatte e mai le farà accettando con un quieto fatalismo quanto continua ad accadere intorno a lui.
Ripenso a quel film visto qualche giorno fa, ai sussidiari delle elementari e alle lezioni di storia, ai Pisacane uccisi dai contadini che non volevano la rivoluzione, a quanto si sia avvezzi al torpore dal non pensare ci possa mai essere di meglio.
A quanto al solo pensare ad una piazza qui venga fuori soltanto uno sbadiglio di chi guarda un altro treno passare sullo stesso binario.



(i video da il Post)

mercoledì 26 gennaio 2011

"Il tuo paese ha bisogno di te"

Mentre stiamo qui ad occuparci di distillati di gossip travestiti da politica, di videomessaggi di autodifesa, qualcuno ci ricorda ciò che la politica dovrebbe essere in grado di raccontare ai propri cittadini.

Pensieri equini

Ne parlavamo, qualche giorno fa, che non sarebbe poi una brutta idea riprendere ad utilizzare i cavalli per spostarci.
Piuttosto che lasciarsi cavalcare da carabinieri in mostrine o da uomini annoiati nei week-end sarebbero, magari, più felici nell'accompagnarci a lavoro, attraversando campi incoltivati con le nostre borse a battere sulla schiena, come novelli portalettere alla William Cody.
Li terremmo nelle cantine, o per chi ha più fortuna, fuori dalla propria villa. Concimeremmo i nostri gerani gratuitamente, saremmo ecocompatibili e risparmieremmo forse qualcosa per i nostri tragitti più brevi.
Magari sarebbe solo un'idea scema, però mica del tutto.
Almeno potrebbero evitare la fine che hanno fatto gli asini.

domenica 23 gennaio 2011

Recensioni minime/Noi Credevamo

"La meglio Gioventù" del Risorgimento, in un racconto filologicamente perfetto, almeno fin quando il regista, addormentatosi nel montaggio della sua interminabile opera, non ha deciso di inanellare una serie di licenze poetiche francamente ingiustificabili.

venerdì 21 gennaio 2011

Reti (disperate) di salvataggio





mercoledì 19 gennaio 2011

Diktat

Non si parlava giusto di questo ieri sera?

(il resto, qui)

martedì 18 gennaio 2011

Sulla rupe di vetro

C'è da sentirsi parecchio frustati a sentirsi i "migliori" e a non poterlo dimostrare, ora come non mai.
Li vedo così, seduti al bordo della strada, con il loro Mac sulle gambe (perché quello è una sorta di diktat) guardare la melma scorrere sotto i propri piedi e, con una mano sulla testa, non trovare le parole per l'ennesimo editoriale indignato, o per post infuocato (perché ci si può credere appartenente a questo club anche scrivendo sul proprio bloggettino), capace di smuovere quella massa inerme di 'gnoranti insensibili a tutta quell'intelligenza riversata su una pagina bianca.
Ce n'è da sentirsi impotenti, a prova di Viagra per una vita intera, a vedere quel "popolo bue" guardare in massa Barbara D'Urso, votare per l'ennesima nomination di un qualsivoglia reality, e soprattutto votare lui, nonostante tutto, da quindici anni a questa parte.
Ad avere la certezza che, semmai si scoprisse sempre lui dietro, per dire, l'omicidio di Sarah Scazzi, si finirebbe per giustificare anche questo, in nome di una soglia d'indignazione oramai bassissima, incapace di smuovere chiunque, tranne loro.
Eppure, hanno chiaro che la logica dietro la quale si cela il proprio lineare ragionamento non può avere spazio quando si desiderano soltanto poche idee, magari anche confuse, per essere ascoltati ed aver consenso.
Sanno benissimo che sin dall'inizio del loro spiegare qualcuno comincerà a sbadigliare, qualcuno cambierà canale, fin quando ad ascoltarli non rimarranno che i soliti cinque mila (o cinque milioni,a sentire Severgnini).
E per questo li immagino disperarsi non trovando soluzione, o lasciano il campo buttando il pallone tra le erbacce, trovando rifugio nella propria altezzosità incompresa sentendosi, intimamente, senza mai rivelarlo a nessuno, molto meno intelligenti di quanto pensassero. Ed assolutamente stupidi rispetto a quelli che una strategia l'hanno avuta sempre chiara e per questo continuano ad averla vinta.

domenica 16 gennaio 2011

Banche da cui stare alla larga

Non capisco perché, ma non sarei tentato a fidarmi.

Crasto (dialetto siciliano "crastu") m. "castrato" (in genere montone) 2 - fig. "cornuto" 3 - "testa di crastu": dicesi di persona cocciuta (CT, RG).

giovedì 13 gennaio 2011

Il "cable" su AddioPizzo

Dall'interminabile archivio di Wikileaks emerge un file riguardante Sud, lotta alla mafia e persino l'associazione "Goodbye Pizzo", la nostra AddioPizzo.
Qui un estratto, il resto è disponibile qui.

Viewing cable 07NAPLES129, SICILIAN MAFIA REELING FROM POLICE AND BUSINESS ACTIONS


Business owners have been emboldened by the continuing string of law enforcement victories, with more and more reportedly refusing to pay extortion money (known in Italian slang as the "pizzo"), particularly since Provenzano's arrest.
According to the recent annual report issued by the National Traders Association (Conferescenti), up to 80 percent of businesses in Palermo and Catania paid protection money in the past year, and the cost of extortion is higher in Sicily than any other part of the country. Several anti-racket associations have been formed, reportedly with good results. The most prominent is "Addio pizzo" ("Goodbye, pizzo"), formed in 2004, which counts 210 traders and entrepreneurs as members and over 9,000 consumers committed to buy only at shops belonging to the "pizzo-free" list. Palermo police and the prefect have agreed to discreetly look after the member shops. "Addio pizzo" has organized programs in more than 90 schools and educational institutes, with the participation of prosecutors and police, and also conducted a "pizzo-free" festival in one of Palermo's main plazas in May 2006. (One of the association's leaders has been selected for a State Department International Visitor program in 2008, which will focus on awakening public opinion to rule of law and supporting NGOs who fight organized crime.)


domenica 9 gennaio 2011

Meet the real Media Guru

da Ale, dal suo viaggio in India,
e da Marco, e alla sua intuizione.
(via fb)

Imparare ad essere lombardi/1

Per quanto possa impegnarmi nel raggiungere quest'obiettivo nel 2011, uscire dalla messa della domenica per poi passare a prendere un volantino dal gazebo leghista richiede uno sforzo di smemoratezza che neanche in preda all'alzheimer galoppante potrei concepire.

Shinystat