"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

venerdì 20 febbraio 2009

Notte di lavoro

Mi sono scelto un lavoro mica tanto normale. Almeno per un ingegnere, credo. Del resto detesto la routine e ogni qualvolta viene interrotta sono ben felice. E qui queste occasioni non mancano.
Sono le 3:00 e sono in un impianto a curarne alcune parti per l’avviamento che è in corso. Ed è dalle dieci che sono qui. In una saletta di controllo stile enterprise, solo un filino meno avveniristica. Il pavimento non è di certo lucido, difronte a me dei mega serbatoi con liquidi di contrasto lavorano, mica la luna e le stelle mi girano intorno. Alle pareti non ci sono mappe lunari ma calendari degni de Le Ore dei tempi d’oro.
Atmosfera cameratesca negli operai che organizzano tornei di briscola, parlano di fantacalcio, cercano di beccare il segnale in una piccola televisione portatile di quelle che non vedevo da almeno un decennio. Si è perfino brindato intorno all’una, e mi sono mangiati perfino cannoli pseudo-siciliani (guarda la casualità). Ogni tanto entra qualcuno e parte il filo di battute, ma per il momento tutto è tranquillo, a parte le frequenze dei walkie-talkie che gracchiano.
Che freddo fuori, anche solo per andare a pisciare si ghiaccia facilmente, penso sia uno dei posti più freddi dell’intera Lombardia.
Ho già sonno, come al solito non dormo mai abbastanza. Tra un pò vorrei chiudere gli occhi. Semmai non debbano esserci complicazioni. Certo chiudere gli occhi su una sedia non è mica tanto facile.

4 commenti:

Emanuele ha detto...

Il lavoro nobilita l'uomo... vedila così! ;-)
Comunque... si può sapere dove lavori? Anche in privato se vuoi.
Ciao,
Emanuele

Lepr8sognatore ha detto...

Bhè...
PEr chi è abituato a vedere un'azienda di giorno nota caos, colleghi, scenette modello camera cafè proprio davanti alla "macchinetta macina kaffè", ma di notte... è tutt'altra cosa....
Silenzio, sigarette accese dentro qualsiasi stanza (anche quella dell'A.D.), rigoroso rutto libero, no limit agli scherzi...
Tutt'altra cosa!!!
Lo diceva anche jovanotti...
La notte è +bella, si vive meglio...

Mauro Caruso ha detto...

Si una serata particolare, non c'è che dire.
Emanuele, poi te lo dico in "privato" il mio lavoro.. ti invio una mail appena posso!
Oh Leprotto...

Emanuele ha detto...

Ok... non si sa mai che cercano qualcuno per il tirocinio... ;-)
Aspetto tue notizie!
Ciao,
Emanuele

Shinystat