"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

mercoledì 10 febbraio 2010

Una nuvola è di troppo

E questa sera sarei voluto scappare a Parma per festeggiare quel cugino che è quasi un fratello, per quel suo traguardo, ed invece sono rimasto bloccato dal tempaccio che mi segue costantemente quando ci sono appuntamenti che non vorrei farmi scappare. Perché, come dice Clooney nel bel "Tra le nuvole", ogni famiglia ha la sua colla che la tiene unita, ed anche se non lo sarò sempre, mi piace di tanto in tanto fare questa parte.
Ed invece, una nuvola, qualche volta, è di troppo.
Il ragazzo poi ha dei bei sogni, che vanno alimentati, per cui un modo per recuperare questa giornata lo troverò.

4 commenti:

Roberta ha detto...

mnao! t'avevo lasciato un commento qui ieri... forse non t'è arrivato?! boh!

Mao ha detto...

No Robi, non è arrivato nulla ieri! Me lo rimandi...?

Roberta ha detto...

Non ricordo bene cosa avevo scritto, ma ecco il senso: ero sicura che avresti rimediato prima o poi, che avresti soffiato via quella nuvola di troppo perchè nessuno meglio di te è capace di custodire, alimentare e coccolare certi rapporti...al di là dei cieli grigi, delle piogge o delle grandini! ;)

Mao ha detto...

Che buona che sei. Una volta cercavo di coltivarli un pò tutti, sbagliando, fraintendendo a volte l'amicizia con qulacos'altro. Ora ho finalmente capito che solo certi rapporti meritano questa fatica, che poi fatica non è

Shinystat