"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

domenica 7 giugno 2009

Per un viaggio a Francoforte. Cosa vedere

Noi abbiamo optato per una visione completa e dall'alto della città già dall'inizio, dalla Main Tower, uno dei più alti grattacieli e comunque l'unico visitabile. La vista è notevole, utile anche per comprendere da subito come muoversi. Il prezzo è di 5 euro a persona. Per muoversi è possibile scegliere i tram, la metropolitana o i bus, ma è sicuramente agevole muoversi completamente a piedi. E' possibile acquistare la Frankfurt card, che con 8 euro al giorno consente di viaggiare su ogni mezzo e di avere sconti in alcune attrazioni e musei.
Passeggiando sotto i grattacieli, nella zona denominata Mainhattan, in un intelligente gioco di parole, si giunge alla vicina Banca Centrale Europea. Poco distanze si trova la Alter Opera, il vecchio teatro dell'opera, oggi usato come centro congressi, e la Borsa, con le due simboliche statue del Panda e dell'Orso.
In centro si trova poco distante, e la piazza Zeil ne costituisce il fulcro. Molto vivace, è la zona dello shopping e qui si trova la Zeilgalerie, un centro commerciale a sette piani, molto particolare nella struttura interna ed esterna, e sul cui tetto si può godere di una bella veduta, nonchè ristorarsi nei bar che li si trovano. La piazza, molto affollata, ospita numerose bancarelle e gazebi dove già da subito potrete assaggiare i wurstel e le salsicce tipiche. Il prezzo è abbordabilissimo.
Da li ci si può muovere verso la Romemberg, la piazza storica della città, la più antica, in cui a Natale si svolge un tradizionale mercato tipico.
E' caratteristica per i palazzi che la delimitano con le facciate in legno (Ostzeile), ed al suo interno si trova la statua della giustizia e sul lato sud la chiesa di San Nicola.
A poca distanza dal Romemberg si trova il Duomo, uno degli edifici più importanti della città, caratterizzato dalla sua torre campanaria di 95 metri.
La zona si trova a poca distanza dal Meno, il fiume che taglia in due la città.
Da quel che abbiamo potuto vedere è una zona molto vivibile, sede di manifestazioni soprattutto in primavera. Le due sponde del fiume sono collegate da numerosi ponti, due dei quali pedonali, tutti abbastanza suggestivi, il più importante dei quali è l'Eisener Steg, o ponte di Ferro.
Da li vicino partono i battelli con cui è possibile avere un'altro sguardo sulla città. La visita dura circa un'ora, e percorre la città da una parte all'altra per intero.
Il prezzo si aggira intorno agli 8 euro, anche se è possibile contrattare sul prezzo. Noi siamo riusciti a scendere a cinque euro. Sui battelli si trova solitamente anche un bar. Sulla sponda sud del fiume hanno invece sede i principali musei della città.
Non avendo molto tempo a disposizione abbiamo optato per una visita al museo del Cinema Tedesco e lo Städelsches Museum.
Il museo del Cinema è davvero interessante, mostrando l'evoluzione delle tecniche cinematografiche fin dagli albori, e con delle animazioni per potersi calare in un'epoca che sembra cosi lontana. E' possibile entrare in un vero e proprio set cinematografico,nonchè assistere
ad alcune proiezioni tematiche. Inoltre spesso ospita delle mostre tematiche.
Lo Städelsches Museum invece ospita una collezione di dipinti, stampe e disegni olandesi e tedeschi con opere di grandi maestri del passato come Botticelli, Dürer, Rembrandt, Rubens, Vermeer, Cézanne e Renoir.
Gli altri musei degni di nota nella zona sono il museo d'arte moderna Kunst e il museo dell'architettura.

Nessun commento:

Shinystat