"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

mercoledì 18 febbraio 2009

Non era 'omo pè sti tempi cupi

Forse una parola tocca dirla.
Non ero felice di come si stavano muovendo le cose all'interno del Pd dopo le elezioni, ma non sono tantomeno gaudio nell'apprendere delle dimissioni di Veltroni. Anzi, era uno dei pochi che ammirassi realmente nel quadro politico italiano.
Non sarà attraverso il suo addio che cambieranno gli argomenti e le priorità del partito, anzi, questa mi sembra la vittoria di coloro che non accettavano i cambiamenti che si cercavano di apportare.
Le sue colpe sono state quelle di non aver saputo farsi forza del mandato attribuitogli dai suoi elettori nelle primarie.
Eppure la campagna elettorale è stata una delle migliori mai viste, seppur chiaramente persa in partenza. Si sono viste spinte ed idee nuove e, fino ad un certo punto, si è visto con le chiavi in mano del partito. Si vedevano scricchioli interni ed indesiderati (vedi candidature un pò ambigue ed una pulizia mai totale), ma si consideravano a quei tempi retaggi dell'oligarchia di partito.
Le chiavi però di colpo sono sparite quando la priorità delle elezioni era superata. Sono cominciati gli attacchi più o meno sotterranei ed è venuta meno la forza iniziale.
Si è visto risucchiare nelle tremende logiche interne e non ha avuto la capacità di tirarsene fuori, uscindone a testa alta. L'opposizione che doveva scagliarsi veementemente contro i decreti portati avanti in questi mesi restava alla sbarra a litigare con opinioni discrepanti.
Ed invece è sembrato volesse tenere insieme tutti i cocci del partito senza perderne neanche uno, per poi venire stritolato esso stesso. Le sue capacità di comunicatore si invischiavano con le sue deficienze nel tener testa a chi voleva "detronizzarlo".
Perchè credo sia un compito immane tenere insieme un partito che si divide su ogni questione, che si perde in battaglie difficilmente comprensibili come quella per le nomine Rai, o che cerca di portare avanti delle questioni fondamentali (vedi il testamento biologico) mentre alcuni dei suoi capetti dicono il contrario, o si candidano al suo posto otto mesi prima della scadenza del mandato.
Adesso non so cosa accadrà e non vedo nessuno all'orizzonte capace di dare una scossa reale. Lo stesso Soru è uscito bruciato insieme al Veltroni con estrema gioia di tanti a sinistra che lo potevano vedere come una new-entry. Bersani, seppur bravo, lo vedo troppo invischiato in vecchie logiche e poi incapace di accendere. Realmente il nulla.
Arriverà un'altra batosta alle europee mentre dall'altra parte continueranno a sghignazzare animatamente.
Staremo a vedere. Anche se adesso il buio è ancora più forte.

Nessun commento:

Shinystat