"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

mercoledì 18 febbraio 2009

Ma anche...

Un pò di frasi dal discorso di Veltroni alle dimissioni dal blog di Francesco Costa,visto che non ho potuto seguire il discorso.

«Non farò al mio successore quello che è stato fatto a me»

«Anche a Berlinguer veniva sempre detto di essere più duro. Anche in quel tempo chi era all’opposizione cercava di coltivare preparando l’alternativa. L’opposizione pericolosa per chi governa è quella riformista; quella che urla è la loro preferita».

«La politica è condivisione e risposta: forse sono più portato a essere uomo di istituzioni e di governo piuttosto che uomo di partito»

«Abbiamo grande senso critico, elogio del dubbio, evviva. Ma la differenza tra destra e sinistra è che se in una assemblea di destra si attacca la sinistra, vengono giù gli applausi; se in una assemblea di sinistra si attacca la sinistra, vengono giù gli applausi».

«Passare da una sinistra salottiera, giustizialista, pessimista e sostanzialmente conservatrice - a un centrosinistra legato al valore della legalità, non conservatore ma innovatore, non salottiera ma col gusto del rapporto con la vita reale»

«Serve un avanzamento di generazioni nuove»

«Serve più solidarietà» (applausi), «sentirsi una squadra» (applausi), «Doveva essere compito mio e non ci sono riuscito»

«Altro che troppo presto, l Pd si doveva fare ai tempi di Prodi: coi verdi che all’epoca erano riformisti. Il corso della storia italiana sarebbe stato diverso»

«Ho fatto il possibile, ce l’ho messa tutta ma non è bastato: me ne scuso. Ma non possiamo tornare indietro. Al gruppo dirigente dico: amate di più questo partito. L’ultimo grazie è agli elettori delle primarie, a chi ha votato Pd. Il Pd crescerà e vincerà la sua sfida». Poi ha salutato e se n’è andato.

Nessun commento:

Shinystat