"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

sabato 10 ottobre 2009

Il Toro

Quando non so come uscire da Milano, ovunque io sia cerco l'uscita di Linate. Ma giravo da un pò e la cartellonistica stradale non è proprio il forte di questa città. Come parcheggi e semafori, d'altro canto.
Quindi accosto, infilo la mano per portaoggetti e cerco l'antenna Gps. Attendo che il mio Nokia la riconosca. Ma nulla. Scorrono intanto i nomi dei bluetooth disponibili li intorno. La zona è trafficata, e quindi la lista scorre piuttosto velocemente.
Sigle soprattutto. Senza significato. La gente, in fondo, è molto più sensata di quanto ci sforziamo di credere.
Fin quando "Il Toro", balenando sul display illumina la mia immaginazione tra i vialoni della città.
Mi guardo intorno, cercando di cogliere chi possa essere degno di tale nomignolo.
Non lo individuo, naturalmente.
Avrei voluto conoscerlo, sapere i motivi di tanta autostima, stringere la sua mano e magari imparare qualche nozione che ancora mi era sfuggita Se si trattava di merito riconosciuto su campo, attraverso dimostrazioni di forza, di charme, di pura audacia, o semplicemente dell'insegnamento più interessante dell'ultimo corso motivazionale.
Se mai, insomma, sarei potuto arrivare anch'io a toccare certe cime.
Intanto, ricomparsa la direzione sul display, la strada avrebbe trovato il tempo per una risposta.

3 commenti:

Emanuele ha detto...

In realtà io associerei il Toro alla squadra di calcio... non so perché ma avrei fatto un ragionamento diverso dal tuo.
Stupefacente la possibilità di fare - ognuno - un percorso mentale diverso dall'altro.
Ciao,
Emanuele

Mao ha detto...

A milano?

Emanuele ha detto...

Non è possibile?! :-|
Ciao,
Emanuele

Shinystat