"Io anelo alla mia terra, nella cui polvere si sono consunte le membra e le ossa dei miei. Ricordo la Sicilia, e il ricordo viene dal dolore che mi travaglia. Ma se fui bandito da un paradiso come posso io darne informazioni"

martedì 15 settembre 2009

L'Istituto Luce è in onda

Se fosse davvero come si racconta, le case sono li per tutti, sarebbe una festa davvero.
Certo però, a guardar bene ciò che trapela da alcune fonti dell'informazione, la situazione è lontana dall'essere rose e fiori.
Però stupisce il modo in cui viene messa in scena l'efficienza dello stato, e del governo.
In prima serata, sulla rete ammiraglia della Rai, dal giornalista che crea meno problemi, spostando di una settimana la partenza di programmi d'approfondimento come Ballarò e Matrix.
Ha tutta l'aria di una celebrazione, e Franceschini ha fatto bene a non partecipare a questa pagliacciata.
E' un modo forse per rispondere agli scandali di questi ultimi mesi, alle battaglie tra direttori, ai colpi bassi all'interno della stessa alleanza, con qualcuno che vuol dimostrarsi pensante, non allineato al pensiero unico imperante. Alla stessa Chiesa che rifiuta certi modi e certe leggi di questo governo.
E' il modo per poter tornare a dire che comunque il popolo, gli elettori non pensanti, la maggioranza, è ancora dalla sua parte.
Tutto questo però ha un vago sapore di già sentito, sessant'anni fa. Di telegiornale d'epoca, di Giornale Luce, che interrompeva la proiezione dei film nei cinema, per raccontare le grandi gesta di un regime eccellente.

E con questo non voglio mica dire che adesso ci sia un regime in Italia, chè i regimi sono ben altra cosa. Però queste analogie mi preoccupano.

3 commenti:

alessandro ha detto...

ma da quando matrix la reputi una trasmissione di informazione, a tal punto da doverla citare

Mao ha detto...

Lo era. E anche ieri sera in realtà era previsto un bel dibattito, con qualche voce contraria al pensiero dell'imperatore.

Emanuele ha detto...

Lo penso da tempo: siamo in dittatura silenziosa. Mussolini ai suoi tempi aveva meno mezzi per controllare il popolo. Adesso è gestito tutto da lui, dal governo alle televisioni, alla stampa, alla squadra di calcio.
E la cosa incredibile è che ha il coraggio di lamentarsi pure! Vorrebbe che esistesse solo la sua voce... non è neanche capace di capire che in politica deve esistere necessariamente un partito opposto per garantire un certo livello (per non parlar d'altro...)!
Ciao,
Emanuele

Shinystat